Che ci fanno su uno stesso tumblelog esoterismo e techno?!?

è la tecnologia sposata con le arti, sposata con l’umanistica che porta ai risultati che fanno battere il nostro cuore

Steve Jobs

Lascio giudicare a te, cara lettrice/caro lettore quali siano gli imprevedibili nessi tra le due materie!

Alvin Toffler, Julius Evola, René Guènon, Osho, Gurdjieff, Leo Mas, Vasco Rigoni, com’è possibile mettere insieme questi diversissimi personaggi?!

Partiamo dall’assunto che la storia dell’arte ha sempre utilizzato, oltre alle tecniche di rappresentazione più aggiornate disponibili all’epoca in cui venivano create anche dal punto di vista tecnologico, il sistema di simboli e concetti considerati “esoterici“, ovvero occulti alla conoscenza del grande pubblico (basti pensare, anche andando indietro nel tempo, all’opera di Giorgione che ha portato il suo dipinto più famoso, “La tempesta” ad avere oltre trenta interpretazioni a causa della complessa serie di allegorie utilizzate).

Voglio darti una dimostrazione di quanto sia affascinante risalire la corrente del fiume di un qualsiasi movimento artistico, come possiamo considerare anche la Techno music, comprendendo così, come nell’altro articolo sull’industrial music, quali siano i fattori che determinano la densità di significato di un’opera.

Se ho sufficientemente ben descritto come Alvin Toffler coi suoi libri, Lo choc del futuro e La terza ondata abbia ispirato Juan Atkins nell’inventare la techno, il resto lo spiega questa traccia:

Probabilmente pochi lo sanno, ma la voce in sottofondo è quella di Osho Rajneesh, e introduce la sua rivoluzionaria tecnica di meditazione catartica:

Dance, And dance so totally! That your egos melt and disappear. Dance so totally that the dancer is no more there, but only the dance remains.

You start feeling, You start swaying, you suddenly feel a rush of energy.

You would like to dance!

You would like to dance yourself. This is synchronicity!

Something has happened in you, parallel but not caused…

Osho

E’ più chiaro adesso il senso di questo blog?!

Per chi ci ha seguito fin qui in questo non facile approccio, ecco una versione strumentale di una track che ha fatto epoca, anche qui sarebbe bellissimo con un balzo spaziotemporale trovarci in studio con gli Shamen (ovvero gli sciamani guardacaso – ecchettelodicoaffare?!? – ) per capire la genesi di un pezzo come questo:

…forse solo tanta droga

…chi ha orecchi per intendere, intenda!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...